Noi gestiamo due sorgenti luminose, l'anello di accumulazione di terza generazione Elettra ed il laser a elettroni liberi (FEL) FERMI@Elettra, sorgente di luce di quarta generazione, insieme a numerosi altri laboratori di supporto. Le nostre linee di luce forniscono radiazione a più di 30 stazioni sperimentali, consentendo ad una vasta comunità di ricercatori provenienti dall'accademia e dall'industria di studiare le proprietà dei materiali e la loro funzionalità, con sensibilità fino a livello molecolare ed atomico, permettendo loro di fabbricare nanostrutture e dispositivi, e di sviluppare nuovi processi tecnologici. Ogni anno scienziati ed ingegneri provenienti da più di 50 nazioni accedono alle nostre infrastrutture dopo aver presentato proposte che vengono valutate da comitati di esperti internazionali sulla base del puro merito scientifico e dell'impatto potenziale.

Sorgenti di luce e laboratori

Elettra

La sorgente Italiana di luce di sincrotrone di terza generazione Elettra è al servizio della comunità scientifica ed industriale nazionale ed internazionale sin dal 1993. Posizionata nel Nord-Est dell'Italia, sull'altopiano carsico sovrastante la città di Trieste, attrae ricercatore da tutto il mondo. Oltre 1200 scienziati ed ingegneri provenienti da Europa, Asia ed America utilizzano ogni anno la nostra infrastruttura. Il fascio di elettroni, che circola nell'anello di accumulazione Elettra a velocità prossime a quelle della luce, passando attraverso una serie di dispositivi magnetici quali ondulatori, wiggler e magneti curvanti produce una radiazione di altissima intensità e brillanza, a frequenze che vanno dall'infrarosso ai raggi x molto penetranti. I fasci di fotoni, raccolti da sistemi ottici che operano in condizioni di vuoto spinto, vengono collimati lungo le linee di luce per raggiungere le stazioni sperimentali dove sono disponibili diverse tecniche di indagine analitica e di trattamento dei materiali. La luce prodotta, che risulta essere dieci di miliardi di volte più brillante di quella generata da sorgenti di radiazione convenzionali, consente ad un ampio spettro di utenti appartenenti ad istituzioni accademiche ed industriali di poter far uso di avanzate tecniche di ricerca e di condurre esperimenti allo stato dell'arte in fisica, chimica, biologia, scienze della vita, science dell'ambiente, medicina, scienze forensi e di conservazione del patrimonio culturale.  Nei laboratori di supporto vengono utilizzate tecniche sperimentali complementari a quelle disponibili presso le linee di luce, estendendo in questo modo le possibilità di soddisfare le esigenze degli utenti. I laboratori di supporto rappresentano inoltre un'opportunità unica per lo svolgimento di attività di formazione rivolte ai giovani ricercatori e agli studenti.

FERMI

FERMI  è il nuovo laser ad elettroni liberi (FEL) costruito accanto alla macchina di luce si sincrotrone Elettra. Utilizza un acceleratore lineare per generare un fascio di elettroni relativistici che vengono convogliati attraverso una serie di ondulatori. Un laser convenzionale, sovrapposto al fascio di elettroni nel primo ondulatore (seeding), permette di generare emissione coerente, che viene amplificata in modo esponenziale quando gli elettroni attraversano le regioni del campo magnetico generato dagli ondulatori successivi. Tra le sole cinque sorgenti FEL al mondo attualmente operanti alle frequenze dell'ultravioletto e dei raggi X molli, FERMI è stato sviluppato per generare impulsi ultracorti (10-100 femtosecondi) con una luminosità di picco 10 miliardi di volte superiore a quella fornita dalle sorgenti luminose di terza generazione. Da molti punti di vista FERMI presenta caratteristiche uniche tra tutte le sorgenti FEL esistenti. L'uso di uno schema di funzionamento seeded-FEL garantisce una stabilità dell'intensità e della larghezza spettrale senza precedenti, insieme ad un alto grado di coerenza trasversale e longitudinale. L'uso di ondulatori APPLE II consente un controllo totale della polarizzazione in tutto l'intervallo operativo di lunghezze d'onda tra 100 nm e 4 nm (in prima armonica). La combinazione di coerenza trasversa e longitudinale con la polarizzazione variabile in tutto l'intervallo d'energia offre opportunità uniche per lo studio della struttura della materia condensata ed i suoi stati transitori, della materia soffice condensata e di quella a bassa densità, utilizzando una varietà di tecniche di diffrazione, dispersione e spettroscopia.

Sorgenti di luce di sincrotrone

Qui troverai una lista di tutti le sorgenti di luce di sincrotrone nel mondo.

Laser ad elettroni liberi

Qui troverai una lista di tutti i laser ad elettroni liberi nel mondo.

Ultima modifica il Martedì, 20 Gennaio 2015 13:16